Montella: “Col Torino al 100%. Bacca e Lapadula insieme? Vi spiego. Sugli infortunati e sul turnover…”

Pubblicato il , in Interviste




Vincenzo Montella si è presentato davanti ai giornalisti in conferenza stampa alla vigilia di Milan-Torino, ottavo di finale di Coppa Italia: “Teniamo molto a questa partita e alla Coppa Italia. Loro sono ben allenati, servirà giocare al 100% per vincere. E’ una buonissima squadra, attaccano bene la profondità soprattutto con Belotti. Dovremo essere bravi a chiudere le linee di passaggio. Da giocatore non l’ho mai vinta, da allenatore sono arrivato in finale con la Fiorentina e l’anno successivo siamo usciti in semifinale. Tengo molto a questa competizione. Kucka è sicuramente recuperato. Abate non è ancora al 100%, oggi valuteremo meglio. Ieri Antonelli non si è allenato per un leggero affaticamento, oggi farà gli esami strumentali per capire meglio la situazione. Romagnoli aveva la febbre, oggi lo lasciamo a casa e vediamo domani mattina, anche se credo che sarà difficile un suo impiego. Vediamo domani mattina“.




Sul turnover: “Qualche cambio lo farò, ma non stravolgerò la formazione. Concettualmente non farò più di un cambio per reparto. Non credo ci siano solo 12-13 titolari come dice qualcuno. Io sto cercando di far giocare più gente possibile. Giocare con le due punte? Così domenica abbiamo risolto la partita. E’ una forzatura perché non abbiamo una terza e quarta punta, ma è una possibilità. La squadra crea tanto perché ha un giocatore in più a centrocampo, con due punte magari arrivano meno palloni in avanti. Tra Bacca e Lapadula c’è una sana competizione. Il gol di Bacca è stato importante e ha dimostrato ancora una volta il suo valore. Non era facile fare gol, è stato lucido“.

Riguardo il mercato: “Mi confronto sempre con Galliani, il mio compito è dire cosa servirebbe dal punto di vista tecnico, ma poi c’è da tenere contro dell’aspetto economico. Se c’è la possibilità miglioreremo la rosa, sarei contento però se il gruppo rimanesse cosi. Storari? Lo conosco da tanto tempo. La nostra scelta è arrivata in primis per mandare a giocare Gabriel e quindi si è aperta questa possibilità di scambio. E’ un ragazzo che conosce questo ambiente e ha grande voglia di giocare ancora nonostante l’età. Potrà essere utile sia dentro che fuori dal campo. Può darci una mano importante“.

 




Lascia un commento

LEGGI COMMENTI