Ultimo aggiornamento giovedì, 24 Settembre 2020 - 15:14

Le parole del neurochirurgo che ha operato Zanardi:”Tutte le ossa della faccia erano rotte”

News
20 Giugno 2020 18:58 Di redazione
2'

Alex Zanardi è ancora in pericolo di vita: il danno cerebrale è importante ed il suo quadro clinico è difficile da valutare. Il neurochirurgo che lo ha operato, Giuseppe Oliveri, ha voluto in ogni caso sbilanciarsi nel rivelare la sua condizione di salute e, secondo quanto riporta Fanpage, avrebbe detto:

Fratture? Zanardi ha un fracasso facciale, in pratica tutte le ossa della faccia erano rotte. Dal punto di vista neurochirurgico, aveva fratture delle due ossa frontali. Il paziente è in coma farmacologico, ha danni cerebrali importanti. L’intervento è andato come doveva andare, è la situazione iniziale che era tanto grave. Quando il cervello sarà meno gonfio, dovranno intervenire i colleghi maxillo-facciali per ricostruire anche la parte facciale, che in questo momento abbiamo un po’ trascurato perché c’era un problema di rischio di vita immediata.

La situazione appare grave e la ripresa, nel caso ci fosse, sarà molto lenta e complicata. Il medico non esclude che l’ex pilota potrebbe non farcela. La prossima tappa del percorso sarà caratterizzata da una buona dose di pazienza. A tal proposito Oliveri ha affermato: “I prossimi passaggi? Il paziente deve prima stabilizzarsi, tra una settimana o tra dieci giorni, quello si vedrà.” “Se le cose vanno bene – ha continuato- pian piano potrebbe risvegliarsi ed essere valutato. Ha fatto una TAC subito dopo l’intervento, per adesso non facciamo altre TAC. Lui ha un catetere per la misurazione della pressione intracranica, che ci tiene informati sulle condizioni dell’encefalo. In questo momento non valutiamo il quadro neurologico, è una cosa che vedremo a distanza, quando si sveglierà, se si sveglierà. La situazione del paziente è grave, nel senso che può anche morire. In questi casi i miglioramenti sono lenti, mentre i peggioramenti sono repentini.

LEGGI COMMENTI