Ultimo aggiornamento mercoledì, 19 giugno 2019 - 17:10

Gazzetta – Milan, Europa League a rischio: sentenza UEFA presto

News
28 maggio 2019 12:42 Di redazione
2'

Il Milan non è riuscito a qualificarsi alla Champions, il quinto posto finale in campionato gli permette di partecipare solo all’Europa League. Tuttavia, sembra non essere ancora certo che il club possa prendervi parte.

Infatti, è ancora aperto il discorso con la UEFA in merito al Fair Play Finanziario. I rossoneri sono stati deferiti alla Camera Arbitrale per le violazioni di bilancio del periodo 2015-2018. Adesso è attesa una nuova sentenza da Nyon. Essa potrebbe essere pesante, escludendo il Milan dalla partecipazione alla prossima Europa League. Lo conferma oggi La Gazzetta dello Sport, che spiega che il club potrebbe non opporsi a patto da poter discutere in maniera più ampia e trovare un accordo definitivo, riassumendo tutti i fronti aperti in un’unica soluzione. Magari tentando un accordo con unSettlement AgreementSul verdetto del triennio 2015-18 andrà infatti ad accumularsi quello 2014-17.

Leggi anche  Sportmediaset – Milan, sacrificio Donnarumma per Lovren e Kramaric?

Tra fine maggio e inizio giugno dovrebbe arrivare il verdetto della UEFA. Sarà interessante conoscere l’entità delle sanzioni e la reazione del Milan. In precedenza il club aveva deciso sempre di fare ricordo al TAS di Losanna. Ma dopo la sentenza di dicembre 2018 sul triennio 2014-2017, l’udienza non è ancora avvenuta perché si attendeva il giudizio sul triennio successivo. Da Nyon non sembra essere trapelata l’intenzione di mediare, verrà presa una decisione in totale autonomia. Nessun patto. Poi toccherà alla dirigenza rossonera decidere come reagire. In ogni caso i conti del bilancio andranno migliorati nei prossimi anni.

Leggi anche  Milan, accordo con Kramaric? L’agente smentisce: “Nessun contatto”

fonte: https://www.milanlive.it/2019/05/28/news-milan-europa-league-rischio-uefa/?fbclid=IwAR2VZCdWvC8G7MwjvxV6_Yog40_Fplzn6aiZ8R4fjWHHpjCECM8GBk6h1mw

Loading...
LEGGI COMMENTI